Articoli marcati con tag ‘alluvioni’

    Grazie agli abbattimenti e ai piani di contenimento numerico senza criterio eseguiti da varie Amministrazioni senza studi scientifici approfonditi e tecnicamente corretti (a causa di pressioni “particolari e a dir poco oneste” di lobbies e associazioni venatorie, agricole,e cc.) ecco le conseguenze che lor signori hanno creato:

aumento dell’areale della nutria, ovvero grazie alla “caccia alla nutria” si è incrementata la sua presenza e si è favorita la sua espansione territoriale, come mostrato nella figura sottostante.

brevi-aggiornamenti-sulla-dimostrazione-delli-L-8Ql9Lf

Il numero degli animali prelevati è aumentato proprio perché le nutrie, essendo animali a strategia “r/k”, se minacciate tendono a riprodursi maggiormente. Possiamo leggere tale affermazione anche così: siccome è risaputo che le nutrie tendono a riprodursi maggiormente se minacciate e se uccise, ciò permetterebbe alle lobbies venatorie di continuare a perpetrare il problema (causato quindi da loro) per poter esercitare la loro “attività”. E’ il tipico concetto di “problema – reazione – soluzione”. Fai in modo di creare un problema (le nutrie, volpi, cinghiali, ecc., animali che spesso vengono incitati a riprodursi apposta come abbiamo visto o vengono rilasciati illegalmente proprio dalle aziende faunistico-agro-venatorie) in modo da pilotare una reazione (vengono inventati finti danni e tramite i giornali e i mezzi di [dis]informazione come televisioni e quotidiani nonché siti web creati apposta). L’opinione pubblica, vittima del terrorismo psicologico mediatico (fatto ad arte da alcuni giornalisti e alcune testate giornalistiche sia cartacee che digitali (guarda caso sempre le stesse) chiede di intervenire ed ecco che si ripropone sempre la solita soluzione: uccidere, sparare e finanziare le lobbies venatorie. Peccato per loro che, nonostante le loro inutili minacce, diffamazioni e calunnie (basta leggere in Internet), i dati scientifici parlano chiaro. Sono stati smascherati e, grazie anche al nostro lavoro di corretta informazione e divulgazione, ora l’opinione pubblica inizia a conoscere come stanno realmente i fatti. Il grafico sottostante infatti dimostra come gli abbattimenti abbiano favorito l’aumento della specie. Se il contenimento o l’uccisione fosse davvero utile, non si avrebbe un fallimento totale ovvero il numero della specie cacciata non dovrebbe minimamente aumentare.

brevi-aggiornamenti-sulla-dimostrazione-delli-L-z4bjnr

Coloro che attuano quindi i piani di abbattimento e contenimento sono i responsabili dei danni causati all’agricoltura, spesso gonfiati per ottenere i finanziamenti (dichiarare il falso per ottenere soldi dagli Enti Pubblici è parecchio patetico…). Inoltre nonostante le nutrie siano aumentate e in espansione, i danni sono diminuiti di molto secondo le statistiche ufficiali, come mostrato nella figura in basso:

brevi-aggiornamenti-sulla-dimostrazione-delli-L-wiMM5W

Nel prossimo documento di approfondimento sarà possibile leggere ulteriori dimostrazioni di questo business sommerso grazie a documenti scaricati dalla Rete e salvati prima che vengano tolti (leggi: censurati) come è già accaduto per le volpi ad esempio.

Sempre dal Primo Convegno Internazionale sulla Nutria tenutosi a Pavia (2011), la stessa ISPRA ha dimostrato e dichiarato l’impossibilità di inserire la nutria nelle specie cacciabili, si tratta infatti di una proposta a dir poco folle nel senso che andrebbe a impattare fortemente sulla biodiversità, sull’ambiente, sulla sicurezza e altri ambiti. Il sospetto (che a ben vedere si tratta di certezza) che tale proposta venga presentata solo ed esclusivamente per meri fini economici è ormai assodato.

Ecco cosa dice l’ISPRA:

brevi-aggiornamenti-sulla-dimostrazione-delli-L-fqgyg-

Ultimamente si legge spesso di nutrie (e gamberi) come causa di cedimenti di argini. Se si indaga a fondo si scoprono alcune cose interessanti. Intanto sono sempre presenti i consorzi di bonifica che – guarda caso – proprio in questo ultimo periodo sono in crisi finanziaria. Dato che i tecnici dei consorzi e i proprietari terrieri devono occuparsi della manutenzione degli argini, ciò porterebbe ad un elevato tasso di prevenzione. Se non avvengono cedimenti i consorzi non possono lavorare e non possono ricevere finanziamenti. E’ lo stesso metodo utilizzato da alcuni agricoltori per ottenere gli indennizzi dai danni causati da fauna selvatica e nutrie anche se non sono obbligati a dimostrare che siano state nutrie o altri animali! Le tane di nutrie e gamberi non vengono costruite in poche ore ma occorre tempo quindi chi deve fare i controlli deve vigilare sulla sicurezza strutturale degli argini. Inoltre spesso nei luoghi dove avvengono i cedimenti si attuano piani di contenimento e nonostante questo anche dopo il cedimento si da la colpa alle nutrie (o volpi o gamberi). Si tratta di pessimo “trucco” perché se si eseguono gli abbattimenti allora non dovrebbero esserci nutrie in quegli stessi luoghi dove è avvenuta la frana. Ciò porta a dedurre che:

–          O chi di dovere non esegue il proprio lavoro (inadempienza)

–          O i metodi come gli abbattimenti non servono a nulla anzi peggiorano la situazione (ovvio)

–          O tutto ciò fa parte di una manovra speculativa come anche in altri ambiti siamo purtroppo consci che accadano

Fortunatamente qualche Consorzio di Bonifica onesto esiste e infatti si leggono le vere cause che comportano danni all’agricoltura:

Infine, per dovere di cronaca, è interessante notare la corrispondenza tra queste notizie di cedimento argini ed i Consorzi di Bonifica che si vedono al centro dell’attenzione, e la possibilità di eliminare proprio alcuni Consorzi di Bonifica con la nuova manovra finanziaria:

 

Questo inoltre il punto di vista dell’ANBI, associazione nazionale dei consorzi di bonifica, la quale non cita minimamente la fauna selvatica come causa di degrado strutturale ma, come è giusto e ovvio che sia, le condizione climatiche e territoriali (gestione, manutenzione). Dal titolo è comunque possibile verificare ancora una volta il particolare stato di crisi economica di questi consorzi.

Sulla base del Piano Pluriennale di Riduzione del Rischio Idrogeologico, viene proposto quanto segue nei territori in cui operano i consorzi di Bonifica:

Nuovi aggiornamenti nei prossimi giorni. Nel frattempo stiamo lavorando ad un dossier molto interessante.