Il Coypu (Nutria – Myocastor coypus) presenta occhi piccoli, marroni e con una pupilla verticale che risponde alle variazioni di luce: si restringe in luoghi luminosi e si dilata in luoghi bui.

Non presenta ciglia e manca anche di palpebre battenti. Solitamente la Nutria tende a tenere gli occhi sempre aperti e questo probabilmente e’ dovuto al fatto che, essendo una preda, anche la minima distrazione fisiologica potrebbe esserle fatale.
Alle estremita’ degli occhi e’ presente una congiuntiva di colore bianco.
Come mostrato in figura 1 (FIG. 1), le principali funzioni di questo organo di senso sono:

– OSSERVAZIONE: la funzione della vista propriamente detta,

– PERCEZIONE: gli occhi scorgono gli eventuali segnali di pericolo.

FIG.1 – occhi: caratteristiche e funzioni


Come abbiamo gia’ visto per l’udito, gli occhi del Coypu sono allineati alle orecchie e di conseguenza la vista e’ allineata all’udito. Questa caratteristica permette di focalizzare l’attenzione del senso della vista a seconda della provenienza dei suoni.

FIG. 2 – posizione degli organi di senso


Il Coypu non ci vede bene, paragonandolo al senso della vista umano, sarebbe miope difatti non ci vede da lontano ma da vicino ha una buona visuale.
Questo principalmente e’ dovuto al fatto che:

– le Nutrie sono animali crepuscolari,

– le Nutrie vivono in tane ipogee.

Nonostante cio’, il Coypu compensa questa “carenza” grazie ai sensi di udito e olfatto eccezionalmente sviluppati.
La posizione tipica degli occhi e’ resa necessaria a causa delle abitudini fortemente semiacquatiche di questo Roditore.

FIG. 3 – campo visivo della Nutria


Quando si immerge in acqua la Nutria tiene gli occhi sempre aperti e la loro conformazione le permette di stare sempre attenta agli eventuali pericoli esterni.
La conformazione e la posizione degli occhi e’ perfetta al suo stile di vita: il campo visivo (in FIG. 3 delimitato dalle linee rosse) infatti risulta essere veramente ampio (linee gialle) tanto che la Nutria e’ in grado di percepire sagome che si trovano esattamente sulla sua verticale o poco dietro essa.
Non vedendo però a lunga distanza, quando in compagnia, la Nutria tende a vocalizzare per sentire se vi è qualche altro esemplare nei paraggi. Questa situazione viene adottata in due casi da me personalmente osservati:

– in natura: quando i cuccioli seguono la mamma. Comunicano con lei e con loro stessi (in caso siano più fratelli),

– in ambiente “umano”: nella fattispecie il mio cucciolo di Nutria (Willy), vocalizza emettendo dei segnali quando, dopo che mi sono allontanato un po’, non riesce più a focalizzare il suo punto di riferimeno (in questo caso l’essere umano). Sulla vocallizzazione tornerò più avanti con un articolo dedicato.