Il Coypu (Nutria – Myocastor coypus) presenta orecchie piccole, scure con abbondante pelame fuoriuscente da esse. Siccome il Coypu (Nutria) non presenta una buona vista, paragonato a noi sarebbe miope, i suoi sensi più sviluppati sono l’olfatto e l’udito appunto. Le orecchie sono posizionate nella parte posteriore del muso, dietro gli occhi, in zona quasi occipitale. Probabilmente ciò, unito alla forma del padiglione auricolare, favorisce la percezione del più piccolo suono in quanto, essendo prede, necessitano di porre molta attenzione al più piccolo segnale di pericolo. L’udito è molto fine tanto da riuscire a sentire il richiamo di un predatore alato a diverse centinaia di metri di distanza (sia in verticale che in orizzontale).
I peli che fuoriscono dalle orecchie svolgono alcune importanti funzioni come:
PULIZIA: ruolo di protezione dell’orecchio interno dal pulviscolo esterno o da corpi estranei
IMPERMEABILITA’: durante le immersioni in acqua i peli creano una sorta di “sacca d’aria” che evita l’entrata di liquidi nell’udito.

FIG.1 – orecchio: caratteristiche e funzioni
Come si può notare anche dalle figure sottostanti, le orecche sono posizionate in modo rettilineo rispetto agli altri organi di senso (olfatto e vista), in particolare, quando la Nutria si trova sulla terraferma, le orecchie sono allineate agli occhi e quindi vista e udito si trovano sullo stesso piano, questo permette di focalizzare meglio l’eventuale sorgente di stimoli, siano essi positivi che negativi. Il naso invece si trova sulla punta del muso e leggermente abbassato rispetto agli altri due organi di senso, questo permette alla Nutria di avere un buon campo visivo, nonostante le sopra menzionate limitazioni.
FIG. 2 – posizione degli organi di senso

Una volta che la Nutria è entrata in acqua e nuota, tutti e 3 gli organi di senso in questione (vista, udito e olfatto) sono allineati esattamente sullo stesso piano. Questo è molto importante perchè permette alla Nutria di nuotare stando attenta ai diversi segnali ambientali (pericoli rappresentati dai predaotori o fonti di cibo).

FIG. 3 – allineamento degli organi di senso