ORIGINI DEL COYPU (Myocastor coypus – nutria)

Il Myocastor coypus (che qui chiameremo Coypu ma che comunemente viene denominato “nutria”) è un roditore appartenente alla famiglia monofiletica “Myocastoridae“.

Il Coypu è originario della regione sub-tropicale del Sud America e delle aree temperate del Cile e dell’Argentina. Sono stati osservati esemplari di castorino anche nella Terra del Fuoco.


FIG. 1 – areale di origine del Myocastor coypus
(http://www.nwrc.usgs.gov)

La famiglia dei Miocastoridi si è evoluta nell’Oligocene, circa 30 milioni di anni fa da un echimide della sottofamiglia Adelophomynae.
La prima forma di fossile riconosciuta come appartenente alla famiglia dei Miocastoridi è il Prospanyomis del tardo Oligocene rinvenuto in Patagonia.
La sistematica del Coypu annovera 5 sottospecie presenti nell’areale di origine:
– Myocastor coypus bonariensis
– Myocastor coypus coypus
– Myocastor coypus melanops
– Myocastor coypus santacruzae
– Myocastor coypus popelairi
All’interno dell’areale di origine sudamericano, il Coypu occupa ambienti molto diversi tra loro caratterizzati da condizioni climatiche che variano dai caldi delle regioni sub-tropicali agli inverni freddi della Patagonia.
Nel secolo scorso la specie è stata introdotta, per motivi industriali (pellicce) in molti Paesi del Nord America e in Europa stabilendo anche nuclei di popolazione naturalizzati.
Descriveremo successivamente l’areale di diffusione al di fuori dell’ambiente di origine.

* Le Nutrie hanno un areale che varia dalle regioni subtropicali a temperate.
* Estinzione locale a causa di un’eccessiva caccia e sfruttamento  ha portato allo sviluppo di allevamenti da pelliccia di nutria alla fine del 1800 e 1900, ma queste aziende non hanno avuto successo (Ashbrook, 1948).
* Ci sono due nomi comuni utilizzati in letteratura per il Myocastor coypus. La parola amerindi “coypu” è generalmente utilizzata in Europa e America Latina. Questo uso ha probabilmente lo scopo di evitare confusione con il termine “nutria”, che in spagnolo indica carnivori comunemente chiamati “lontre” (Lutra sp.) in inglese. In Nord America e Asia, il termine “nutria” è il più comunemente utilizzato per Myocastor coypus o castorino.
* Ci sono numerose sottospecie di nutria nella loro area di origine: nutrie Myocastor coypus, nutrie M. bonarieusis, nutrie M. melanops, e nutrie M. santacruza.
* La maggior parte della letteratura indica che la specie di nutria introdotta in tutto il mondo è stata M. bonariensis ed è quella che proviene dalla parte più settentrionale (subtropicale), del loro range.

Ringraziamenti e bibliografia:

http://www.minambiente.it/index.php?id_sezione=766

http://www.nwrc.usgs.gov/special/nutria/samerica.htm

DIFFUSIONE E DISTRIBUZIONE DELLA NUTRIA (Coypu – Myocastor coypus) IN EUROPA

Il Coypu (Nutria) è un roditore nativo della Patagonia e il suo areale comprende la parte settentrionale dell’Argentina, della Bolivia, Paraguay, Uruguay, Brasile meridionale e Cile.

I principali motivi di introduzione della Nutria in altri Paesi (al di fuori del Sud America) sono da ricercarsi in:
– rilasci intenzionali: la stragrande maggioranza delle popolazioni presenti al di fuori dell’areale di origine sono dovute alle liberazioni intenzionali dei piccoli allevatori di aziende per la produzione della pelliccia di castorino;
– fughe accidentali: corrispondono ad una piccola percentuale ma sono dovute a scarse misure di sicurezza degli stessi allevamenti di castorino.
Spesso, le popolazioni naturalizzate di nutria derivano proprio da nuclei rilasciati intenzionalmente dagli allevatori. In Spagna ad esempio le Nutrie sono entrate dalla Francia.
Le popolazioni naturalizzate di Myocastor coypus conosciuto fino ad ora si trovano in Nord America, Europa, Asia centrale e settentrionale, Giappone, Africa orientale e Medio Oriente.
Nell’Inghilterra orientale la specie è stata eradicata dopo 11 anni per i seguenti motivi:
– nuclei isolati,
– successione di inverni particolarmente rigidi,
– campagne di controllo numerico immediate.
Nonostante ci siano diversi programma di contenimento relativi a questo animale soprattutto in America ed Europa, i range di distribuzione e la densità di popolazione stanno aumentando in diversi Paesi.

Paese Stato

Albania: Aliena/Naturalizzata
Austria: Aliena/Naturalizzata
Bielorussia: Aliena/Non Naturalizzata
Belgio: Aliena/Naturalizzata
Bulgaria: Aliena/Naturalizzata
Croazia: Aliena/Naturalizzata
Repubblica Ceca: Aliena/Non Naturalizzata
Danimarca: Aliena/Non Naturalizzata
Russia europea: Aliena/Naturalizzata
Finlandia: Aliena/Estinta
Francia: Aliena/Naturalizzata
Germania: Aliena/Naturalizzata
Gran Bretagna: Aliena/Estinta
Grecia: Aliena/Naturalizzata
Irlanda: Aliena/Estinta
Israele: Aliena/Naturalizzata
Italia: Aliena/Naturalizzata
Lituania: Aliena/Non Naturalizzata
Lussemburgo: Aliena/Naturalizzata
Macedonia: Aliena/Naturalizzata
Olanda: Aliena/Naturalizzata
Norvegia: Aliena/Estinta
Polonia: Aliena/Non Naturalizzata
Romania: Aliena/Naturalizzata
Sardegna: Aliena/Naturalizzata
Serbia: Aliena/Naturalizzata
Sicilia: Aliena/Naturalizzata
Slovacchia: Aliena/Naturalizzata
Slovenia: Aliena/Naturalizzata
Spagna: Aliena/Naturalizzata
Svezia: Aliena/Estinta
Svizzera: Aliena/Non Naturalizzata
Ucraina: Aliena/Naturalizzata


FIG. 1 – diffusione e distribuzione della nutria (Myocastor coypus)

Austria: le Nutrie sono state allevate in Austria (Laurie, 1946). La cattura degli esemplari liberati è iniziata nel 1935 (Aliev, 1967)

Belgio: le nutrie sono state allevate in cattività dal 1930 e sono ora selvatiche (Laurie, 1946; Aliev, 1967; Litjens, 1980).

Bulgaria: Aliev (1967) non ha osservato nutrie qui. Mitchell-Jones e altri (1999) hanno segnalato la nutria lungo le frontiere con la Grecia e la Romania.

Ex Repubblica della Cecoslovacchia (Repubblica Ceca e Slovacchia): in base a Kinler e altri (1987) e Aliev (1967), le nutrie sono state allevate in cattività.

Danimarca: Stubbe (1989) ha segnalato esemplari di nutria in natura in Danimarca nel 1930 e 1940, ma non potrebbero sopravvivere a successivi inverni rigidi. Attualmente, non sono segnalati individui di nutria in Danimarca (Mitchell-Jones e altri, 1999).

Inghilterra: Il primo nucleo di nutria è stato importato in Gran Bretagna nel 1929 per la loro pelliccia dalle aziende agricole (Laurie, 1946). Una campagna di eradicazione lunga 10 anni è stata avviata nel 1981,(Gosling e Baker, 1987). Il 10 gennaio 1989 la nutria è stata dichiara estinta.

Finlandia: Aliev (1967) ha stilato una mappa in cui sono indicate le popolazioni selvatiche di nutria in Finlandia. Nei primi anni 1990 sono stati segnalati esemplari di Coypu fuggiti da allevamenti da pelliccia. Popolazioni selvatiche esistevano nel sud della Finlandia nei pressi di Turku (K. Jutila, orale comune.). Le nutrie sono considerate come un gioco per le associazioni di caccia (finlandese Hunters’ Central Organizzazion, 2000). Tuttavia, Mitchell-Jones (1999) li classifica come estinte allo stato selvatico. Si ipotizza che inverni rigidi abbiano causato la morte in queste zone (K. Jutila).

Francia: La nutria è stata introdotta in Francia già nel 1882, qui sono iniziati gli allevamenti per la produzione di pellicce in modo serio dal 1925 al 1928 (Bourdelle, 1939). Alcune nutrie sono fuggite e sono divenute selvatiche (Bourdelle, 1939). Dal 1974 al 1985 sono aumentate in numero e sono stati controllati con avvelenamento tramite farmaci anti-coagulanti (Abbas, 1991).

Germania: Le Nutrie sono state introdotte per la prima volta in Germania nel 1926, e dal 1935 le piccole colonie selvatiche cominciarono ad apparire nel canale Elbe-Trave (Van Den Brink, 1968; Stubbe, 1992; Gebhardt, 1996).

Grecia: Le Nutrie sono state allevate in cattività in Grecia (Aliev, 1967). Tra il 1948 e il 1966 sono state osservate in natura in diversi di habitat, come stagni, laghi, canali, fiumi, paludi, prati e zone boschive (Ehrlich, 1967).

Ungheria: Le Nutrie sono state allevate in Ungheria (Sztojkov e altri, 1982; Kinler e altri, 1987; Salyi e altri, 1988). Tuttavia, Mitchell-Jones e altri (1999) indicano la Nutria presente in Ungheria meridionale vicino al confine.

Irlanda: Aliev (1967) ha disegnato una mappa dove ha registrato la loro presenza qui, ma non ha fornito ulteriori informazioni. Mitchell-Jones e altri (1999) non hanno riportato la presenza di castorini.

Italia: Il primo caso di importazione di Nutria in Italia risale al 1928 per uso commerciale (Cocchi e Riga, 1999). Gruppi di Nutria sono stati segnalati allo stato selvatico nel 1960 (Reggiani e altri, 1993). Nutria si sono diffuse da Italia alla Sicilia e Sardegna e sono attualmente considerati come una specie invasiva a causa dei danni che provocano al riso delle ziende agricole (Cocchi e Riga, 1999). Piero Genovesi (2003) ha calcolato che tra il 1996 e il 2000, la nutria ha causato 14 milioni di euro i danni e le perdite dovute alla nutria sono previste in aumento di 9-12 milioni di euro / anno.

Paesi Bassi: Le Nutrie sono state introdotte nei Paesi Bassi per la loro pelliccia intorno al 1930 dal settore agricolo, e dal 1940 sono stati osservati i primi nuclei selvatici (Litjens, 1980). Poiché arrecano danni agli argini e alle colture di barbabietola da zucchero, sono considerati un candidato per l’eradicazione dalle agenzie europee (Litjens, 1980). Il controllo è attuato tramite cattura (Litjens, 1984). Nonostante le perdite di popolazione di Coypu dovute alle catture e agli inverni rigidi, le nutrie persistono nel Neatherlands perché l’inquinamento aumenta la temperatura dell’ambiente circostante consentendo di sopravvivere ad alcuni inverni rigidi e l’immigrazione dal Belgio e dalla Germania ricostituisce la popolazione (Litjens, 1980).

Norvegia: l’allevamento in cattività è stata praticato anche in Norvegia (Aliev, 1967; Laurie, 1946, Van Den Brink, 1968). Tuttavia, Mitchell-Jones e altri (1999) elencano le nutrie come estinte allo stato selvatico.

Polonia: Nutrie allevate in cattività, ma anche gestite in stato semiselvatico negli stagni in Polonia (Ehrlich, 1962; Kinler e altri, 1987). Osservati in natura dal 1948 (Ehrlich, 1967).

Romania: Aliev (1967) non ha indicato gli animali come presenti in Romania. Nella recensione di Stubbe (1989) sulla nutria in Germania, ha rilevato che erano stati osservati degli animali selvatici. Sono ora al confine sud con la Bulgaria e lungo il Mar Nero (Mitchell-Jones e altri, 1999).

Spagna: Le Nutrie sono state allevate in cattività in Spagna (Aliev, 1967). Nel 1999, (Mitchell-Jones e altri) le hanno indicate come estinte allo stato selvatico in Spagna. Tuttavia, i recenti studi (Piero Genovesi, 2003) indicano che le piccole popolazioni di nutria si sono stabilite nel nord della Spagna, lungo il confine con la Francia, dove a quanto pare la migrazione continua.

Svezia: Una mappa indicata la loro presenza allo stato selvatico nel 1967 (Aliev 1967), e continuano ad essere allevati in aziende agricole. Tuttavia, Mitchell-Jones e altri (1999) le elencano come estinte allo stato selvatico.

Svizzera: Mitchell-Jones e altri (1999) hanno riportato la presenza di coypu in Svizzera, anche se Aliev (1967) non ha avuto riscontri.

Ex Repubblica di Jugoslavia (Serbia, Montenegro, Bosnia – Herz., Macedonia, Croazia e Slovenia): Nutria sono state allevate in cattività in Jugoslavia (Aliev, 1967). Il loro stato attuale non è noto.

fonte: http://www.nwrc.usgs.gov/special/nutria/europe.htm

DIFFUSIONE E DISTRIBUZIONE DELLA NUTRIA (Coypu – Myocastor coypus) IN AFRICA

FIG. 1 – Distribuzione della nutria in Africa

Kenya: gli esemplari di castorino sono stati importati al Plateau Kinangop per l’allevamento da pelliccia nel 1950 (Harper e altri, 1990). Nel 1965 alcuni individui erano fuggiti e hanno raggiunto il lago Naivasha (Harper e altri, 1990). I Pitoni (Python rebae) sono stati introdotti come controllo biologico, ma sono stati inefficaci (Harper e altri, 1990). Nathan Gregory (Università di Princeton) ha riferito di aver visto le nutrie nel distretto di Laikipia del Kenya nel 2005 e ha fornito prove fotografiche per la conferma. Egli ha avuto anche la conferma dai suoi informatori posti sul fiume e sui laghi Narok Naivasha e Albalosit.

Zimbabwe, Zambia e Botswana
: le Nutrie sono state introdotte poco tempo prima del 1958  in Zimbabwe, Zambia, Botswana (Aliev, 1967). Howerth e altri (1994), le hanno segnalate  in Africa, mentre Woods e altri (1992) affermano che esse sono presenti in Africa orientale. Non vi è alcun indiziodella naturalizzazione della nutria (Johan du Toit, Mammal Research Institute di Pretoria, Sud Africa, scritto commun., 2001).
fonte: http://www.nwrc.usgs.gov/special/nutria/africa.htm

DIFFUSIONE E DISTRIBUZIONE DELLA NUTRIA (Coypu – Myocastor coypus) IN ASIA

FIG. 1 – Distribuzione della Nutria nell’Asia dell’Est

Cina: il castorino è stato introdotto in Cina nel 1960 come animali da pelliccia. Non vi sono segnalazioni di fughe in libertà (Xie, 1999). Le Nutrie sono anche esportate dalla Cina verso altri paesi per l’allevamento da pelliccia (Kanwanich, 1998).

Giappone
: il Coypu è stato introdotto in Giappone nel 1910 (Miura, 1976). Il settore militare giapponese ha incoraggiato l’allestimento di piccoli allevamenti di nutria a causa della elevata qualità delle sue pelli (Miura, 1976). Quando il prezzo della pelliccia scese, le nutrie sono stati uccise o rilasciate (Miura, 1976). Dal 1963 le nutrie sono state abbattute come eradicazione / metodo di controllo (Miura, 1976). La più grande concentrazione del Giappone di nutrie si è verificata nella prefettura di Okayama (Miura, 1976).

Corea del Sud
: Esemplari di Nutria sono stati documentati in Corea del Sud da Han e altri (1999). La data di introduzione e lo stato attuale non sono noti.

Thailandia
: Il governo della Thailandia vede la nutria come un problema (Kanwanich, 1998). Le Nutrie sono state importate dalla Cina nel 1993 per la riproduzione ed entro il 1998 sono stati anche osservati in natura (Kanwanich, 1998). Alcuni sono stati consumati dalla popolazione locale, ma nessun programma di controllo organizzato è stato attuato (Kanwanich 1998). Il governo vietata l’importazione di animali supplementari nel paese (Kanwanich, 1998).
fonte: http://www.nwrc.usgs.gov/special/nutria/asia.htm

DIFFUSIONE E DISTRIBUZIONE DELLA NUTRIA (Coypu – Myocastor coypus) IN NORD AMERICA

FIG. 1 – Distribuzione nutria in USA

Alabama: messa in Alabama dal Dipartimento di Conservazione nel 1949 come agenti di controllo delle infestanti (Lueth, 1949; Evans, 1970). Ora hanno una popolazione vitale di selvatici (Deems e Pursley, 1978).

Arkansas: castorini importati in Arkansas alla fine del 1940 come agenti di controllo delle infestanti (Evans, 1983). Non devono avere formato una popolazione selvatica in quel momento perché non sono stati rilevati fino al 1960 quando essi rientrarono nello Stato dalla Louisiana (Bailey e Heidt, 1978). Essi sono ora selvatici in gran parte dello Stato (Bailey e Heidt, 1978).

California: le prime nutrie importate negli Stati Uniti furono insediate a Elizabeth Lake, in California, per l’allevamento da pelliccia nel 1899 (Evans, 1970). Anche se questo tentativo di animali da pelliccia non ha avuto successo, sono state intraprese importazioni successive perché nel 1940 la California presentava una piccola popolazione di nutrie selvatiche (Schitoskey e altri, 1972). Le condizioni in California non sono generalmente favorevoli perla nutria in natura. Il programma di eradicazione ha avuto un piccolo successo e Deems e Pursley (1978) hanno decretato la loro scomparsa nel 1978.

Colorado: le Nutrie sono state importate in Colorado come animali da pelliccia, e una piccola popolazione di selvatici è presente (e Deems Pursley, 1978).

Delaware: la Nutria risulta presente in questo Stato (Bounds, 2000), la maggior espansione proviene probabilmente dal Maryland.

Florida: Nutrie sono state introdotte in Florida nel 1950 per l’allevamento da pelliccia (Brown, 1975). Essi sono sfuggiti dalla cattività o sono stati liberati e sono ora selvatici (Brown, 1975; Deems e Pursley 1978).

Georgia: Coypu sono stati introdotti in Georgia per il controllo delle infestanti da parte dello Stato e delle agenzie federali (Evans 1970, 1983). Ora sono presenti popolazioni selvatiche (Deems e Pursley, 1978).

Idaho: Esiste una piccola popolazione di nutrie selvatiche (e Deems Pursley, 1978), ma Bounds (2000) indica che esse sono estinte.

Illinois: Nutrie sono state rilevate in Illinois (Kennedy e Kennedy, 1998). Il loro stato attuale non è noto. Bounds (2000) ha riferito che sono estinte.

Indiana: i Castorini sono stati importati in Indiana per l’allevamento da pelliccia, alcuni sono fuggiti ma sono stati sradicati (Deems e Pursley, 1978).

Kansas: le Nutrie sono state importate in Kansas per l’allevamento da pelliccia. Il loro stato attuale è sconosciuto (Pursley e Deems, 1978); Bounds (2000) indica che non sono più presenti.

Kentucky: esemplari di Nutria sono stati introdotti dalla Stato e delle agenzie federali per il controllo delle infestanti, ma non hanno potuto sopravvivere (Evans, 1970, 1983; Deems e Pursley, 1978).

Louisiana: Prima introduzione avvenuta vicino a New Orleans nel primi anni 1930, ma sono stati rapidamente eradicati (Evans, 1970; Bailey e Heidt, 1978). Rimessa in Louisiana nel 1938 per l’allevamento da pelliccia, alcune nutrie sono fuggite nel 1940 scavando buchi sotto le reti e scavalcando le recinzioni danneggiate da un uragano (Evans, 1970; Lowery, 1974; Bailey e Heidt, 1978). E ‘selvatica nello Stato ed è controllata da campagne di cattura e predata dagli alligatori (Lowery 1974; Deems e Pursley 1978; Wolfe e Bradshaw, 1987).

Maryland: Prima introduzione è stata registrata nel 1943 (Willner e altri 1979). Nutrie selvatiche sono state rilevate nel 1952 (Willner e altri, 1979). I primi tentativi di eradicazione sono falliti, la popolazione è dispersa in quanto in tutto lo Stato gli habitat sono idonei (Willner e altri, 1979). Attualmente sono in corso studi per determinare la strategia migliore per eliminare la nutria dalle zone umide del Maryland (Bounds, 1998; Haramis e Colona, 1999).

Michigan: sono stati allevati castorini in Michigan nel 1930 (Evans, 1970, 1983). Anche se alcuni sono stati accidentalmente rilasciati non hanno potuto sopravvivere in natura (e Deems Pursley, 1978).

Minnesota: Nutrie sono state presenti nel Minnesota con allevamenti di pellicce. Alcuni sono stati accidentalmente rimessi in libertà, ma non sono riusciti a sopravvivere (Deems e Pursley, 1978).

Mississippi: la Nutria è presente in Mississippi a causa della espansione degli individui che provengono dalla Louisiana (Wolfe, 1971; Deems e Pursley, 1978; Kennedy e Kennedy, 1998).

Missouri: le Nutrie erano presenti in Missouri, ma la data di introduzione e lo stato attuale sono sconosciuti (Deems e Pursley, 1978; Kennedy e Kennedy, 1998). Le Nutrie sono probabilmente estinte (Bounds, 2000).

Montana
: Hall (1981) cita la nutria nel Montana. Le Nutrie sono probabilmente estinte (Bounds, 2000).

Nebraska
: segnalate in Nebraska, ma nessun esemplare è sopravvissuto allo stato selvatico (Deems e Pursley, 1978; Hall, 1981).

New Mexico
: Introdotta per l’allevamento da pelliccia (Evans, 1970, 1983; Deems e Pursley, 1978), sono selvatici, ma le loro popolazioni sono di piccole dimensioni (Deems e Pursley, 1978).

North Carolina
: C’è una popolazione di nutrie selvatiche (Deems e Pursley, 1978).

Ohio
: importati per l’allevamento da pelliccia nel 1937 ( Bednarik, 1961). Alcuni sono fuggiti o sono stati rimessi in libertà. Non esistono attualmente delle popolazioni selvatiche (Bednarik, 1961; Deems e Pursley, 1978).

Oklahoma
: registrate in Oklahoma e sono presenti in numeri bassi (Deems e Pursley, 1978), ma la fonte di provenienza della nutria è sconosciuta.

Oregon
: Nutrie importate per la produzione di pellicce nel 1937 , alcuni esemplari sono fuggiti e nuclei selvatici sono stati ufficialmente registrati già nel 1941 (Larrison, 1943). Attualmente una popolazione esiste una popolazione selvatica (e Deems Pursley, 1978).

Texas
: un uragano si pensa abbia sparso le nutrie in East Texas dalla Louisiana nel 1941 (Evans, 1983), anche se ci sarebbe stato qualche rilascio intenzionale nella palude di East Texas. Nel 1979 esemplari di nutria sono stati registrati nella zona trans-Pecos del Texas (Deems e Pursley, 1978; Hollander e altri, 1992).

Tennessee
: la prima nutria è stata osservata nel 1996, c’è una piccola popolazione selvatica (Kennedy e Kennedy, 1998).

Utah
: importati per l’allevamento da pelliccia nel 1939 (Evans 1970, 1983); alcuni esemplari sono fuggiti ma non sopravvissero allo stato selvatico (Deems e Pursley, 1978).

Virginia
: Si ipotizza che la nutria si sia espansa nel paese dal North Carolina (Deems e Pursley, 1978; Pagels, 1989).

Washington
: importato alla fine del 1930 e primi anni 1940 per gli allevamenti da pelliccia (Larrison, 1943); nutrie selvatiche sono state segnalate già nel 1941 (Larrison, 1943) . A partire dall’autunno 2005 ci sono state segnalazioni per otto diverse popolazioni di nutria nello Stato in aggiunta ad una popolazione di recente scoperta in Valle Skagit (http://www.fish.washington.edu/naturemapping/maphtml/mmyco.html). Popolazioni di Nutria sono a quanto pare in espansione dopo un percorso recente di inverni miti. Il range attuale di nutria nello Stato di Washington è significativamente inferiore alla presenza di habitat disponibili in base all’analisi del progetto GAP Washington, per cui vi è un elevato potenziale di espansione in nuove aree.

British Columbia
: Introdotta come animale da pelliccia (Holdom, 1944); il primo avvistamento di nutria selvatica risale al 1943 (Holdom 1944). Una popolazione selvatica è ancora presente (Banfield, 1974; Deems e Pursley, 1974; Evans, 1970, 1983).

Ontario
: nucleo selvatico di nutrie nel fiume Ottawa dell’Ontario (Banfield, 1974).

Nova Scotia
: importato per l’allevamento da pelliccia, alcuni sono stati accidentalmente rimessi in libertà (Deems e Pursley, 1978). Attualmente si conosce l’esistenza di popolazioni selvatiche (Deems e Pursley, 1978).

Quebec
: importati nel 1927. Questa è la prima segnalazione di successo per l’allevamento della pelliccia di nutria (Evans, 1970). Sono presenti nuclei selvatici nel fiume Ottawa del Quebec (Banfield, 1974). Nessuna segnalazione recente per il Quebec è disponibile.

Messico settentrionale
: Non c’è documentazione per la nutria nel Messico settentrionale, tuttavia, sono state rilevate nel Rio Grande River Valley, al confine tra Messico e Texas, nel Big Bend National Park (J. Carter, USGS). Pertanto, è probabile che un’area idonea paludosa sul lato messicano del confine sia abitato dalla nutria.